Search

Uso delle parole: ‘grazie’ e ‘prego’




Sono parole che dovremmo usare più spesso e non diciamo mai abbastanza. Invece è così bello avere qualcuno da ringraziare e quanta soddisfazione se finalmente qualcuno ci dice grazie!


Vediamo insieme quali parole usare e in quanti modi possiamo dire ‘grazie’ e ‘prego’.



Quando ‘grazie’ non basta


Questa parola magica da sola è perfetta, ma se vogliamo, possiamo intensificare il nostro ringraziamento. In questo caso, possiamo dire:


Grazie mille

Grazie tante

Grazie infinite

Grazie di cuore

Un po' di grammatica

Quando esprimiamo gratitudine per qualcosa, usiamo sostantivi o verbi preceduti da due preposizioni ‘di’ e ‘per’.


Quali preposizioni con i sostantivi

Se usiamo ‘grazie’ in combinazione con i sostantivi, le possiamo usare entrambe. C’è una preferenza per ‘di’ come nella famosa canzone del 1951 ‘Grazie dei fiori’.


Grazie del regalo ~ Grazie per il regalo

Grazie dell’aiuto ~ Grazie per l’aiuto

Grazie dell’informazione ~ Grazie per l'informazione


Attenzione

Ci sono alcune espressioni fisse ad esempio:

Grazie di tutto


Dire ‘grazie per tutto’ è un errore!

Si può dire solo se è seguito da una frase: ‘grazie per tutto quello che hai fatto per me’



Quali preposizioni con i verbi

Se usiamo ‘grazie’ in combinazione con i verbi, di solito esprimiamo gratitudine per qualcosa che è già successo quindi il verbo sarà nella forma infinito passato.


Grazie di essere venuto ~ Grazie per essere venuto

Grazie di aver portato il vino ~ Grazie per aver portato il vino

Grazie di aver chiamato ~ Grazie per aver chiamato


Attenzione

Dire ‘grazie di chiamare’ o ‘grazie per chiamare’ è un errore!


Raramente, quando il riferimento non è il passato ma il presente, il verbo sarà nella forma infinito presente.


Grazie di esistere!

Grazie per non fumare in casa

Che succede con i pronomi?

Quando esprimiamo gratitudine a qualcuno e costruiamo frasi con un riferimento alle persone, usiamo i pronomi. Ci sono due forme possibili.


Solo con il pronome diretto:

Ti ringrazio (informale)

La ringrazio (formale)

Vi ringrazio (plurale)


Con la preposizione ‘a’:

Grazie a te

Grazie a lei

Grazie a voi

Etc.

N.B. Questa forma si può usare anche fuori dai dialoghi brevi, quando vogliamo esprimere la causa di qualcosa.


Grazie al sole, quest'anno il mio rosmarino è bellissimo.

Grazie ai tuoi consigli, sono riuscito a finire quel lavoro.

Un po' di teatro


Esclamazioni sarcastiche

Quando rispondiamo ad un commento ovvio, per esprimere il nostro sarcasmo possiamo esclamare “Grazie!” o “Grazie tante!”. Ad esempio:


A: “Sai che Paola ha trovato lavoro in banca?”

B: “Grazie! Il padre conosce il direttore!”

Esclamazioni di sollievo

(guardando in alto, con le mani alzate)


Grazie a Dio!

Grazie al cielo!


La Primavera di Botticelli (1478), particolare: le tre Grazie e Mercurio


Non solo ‘prego’

Tutti i modi per rispondere ad un ‘grazie’


Prego’ va sempre bene, ma se il problema è la paura di ripetersi, ecco una serie di variazioni sul tema per non essere mai monotoni e che vi aiuteranno anche a capire meglio i madrelingua. Quando qualcuno dice ‘grazie’, possiamo rispondere:

Di nulla

Di niente

Di che?

Non c’è di che!

È stato un piacere


Per essere ancora più originali possiamo dire:

Figurati! (informale)

Si figuri! (formale)

Figuratevi! (plurale)


E per finire…

Un po' di musica!


Grazie, Prego, Scusi - Adriano Celentano (1963)

https://music.youtube.com/watch?v=pWPXLP_MzkU